...Egli sarà tuo, fedele e sincero fino all'ultimo battito del suo cuore. Ciò che tu gli devi è di meritare tanta devozione. Italiano English

I "Terrier di tipo bull" sono cinque: American Staffordshire Terrier, Bull terrier, Bull terrier miniature, Staffordshire Bull terrier e American Pit bull terrier.
Le prime quattro sono riconosciute dall'AKC e dalla FCI (e quindi anche dall'ENCI, che è affiliato alla FCI), mentre la quinta è riconosciuta dell'UKC, dall'ADBA e da altri Club minori americani.
Tutti questi cani hanno un passato da combattenti, escluso il bull terrier miniature che è stato selezionato in origine come "peso leggero" da far misurare nel pit contro altri cani di piccola taglia, ma che è stato "dirottato" quasi subito verso il ruolo di cane da compagnia. Sorte simile per lo Staffordshire bull terrier, un altro ex peso-piuma che ha lasciato il ring molto tempo fa ed oggi è uno dei più amati cani da famiglia inglesi (ma comincia a diffondersi bene anche in Italia).
Oggi che i combattimenti restano appannaggio di pochi criminali (che tra l'altro ben raramente si rivolgono alla razza pura e ben selezionata, ma preferiscono pasticciare con incroci "fatti in casa" dimostrando un'ignoranza cinofila quasi pari alla loro povertà di spirito), i cani più utilizzati per impieghi sportivi e sociali sono sicuramente l'Amstaff e il Pit bull.

Il Bull terrier, sicuramente il più tenace e caparbio del gruppo, non è facile da addestrare e richiede un conduttore davvero esperto, cosa che lo rende poco “appetibile” come cane da lavoro: è quindi molto più diffuso come cane da show.

Lo "Staffy", ovvero lo Staffordshire bull terrier, è un cane piccoletto ma eclettico, resistentissimo e super-sportivo: in Italia comincia ad essere conosciuto solo in questi ultimi anni e finora è stato venduto prevalentemente come cane da compagnia, ma è facile prevedere per lui un radioso futuro sui campi da agility…e forse anche su quelli di utilità/difesa, visto che tempra, muscolatura ed agilità riescono a sopperire alle carenze di taglia, e alcuni staffy l'hanno già dimostrato.

 

CONCLUSIONI....

 

Tutti i terrier di tipo bull sono cani che o si amano alla follia, o si odiano: non si conoscono vie di mezzo. E' importantissimo, però, che l'eventuale "innamoramento" impulsivo sia seguito da un bel periodo di approfondimento e di studio, prima dell'acquisto di un cucciolo.

Questi sono cani speciali, eccezionali, grandiosi: ma non sono cani per tutti, e non si può agire d'impulso della scelta di queste razze.
Bisogna leggere libri e riviste (anche se spesso queste vanno interpretate cum grano salis, perché tendono a magnificare i pregi e a minimizzare i lati meno gradevoli) e soprattutto parlare con allevatori e proprietari. Anche gli allevatori meno seri e più commerciali tenderanno a rifilare cuccioli a chiunque (mentre quelli seri vi sottoporranno a un bel terzo grado e vorranno sapere TUTTO di voi prima di pensare di affidarvi un cane): i proprietari, invece, sono solitamente sinceri, perché non devono vendervi nulla e non hanno ragione di mentire.
L'unico problema è che…non sempre sono esperti cinofili (anzi!), quindi potrebbero dipingervi come difetti del cane quelli che in realtà sono (o sono stati) soltanto errori LORO nella gestione del cucciolo o dell'adulto.

Confrontando vari pareri (Internet in questi casi è preziosissimo!) si arriva comunque quasi sempre ad una panoramica abbastanza attendibile di quello che può aspettarci se decidiamo di metterci in casa uno di questi cani. A questo punto, valutati per bene tutti i pro e i contro, non ci resterà che cercare un buon allevamento (sempre, soltanto, rigorosamente quello! MAI affidarsi a negozi, annunci sul giornale o peggio "fiere del cucciolo" e altre indegnità del genere, se si pensa di acquistare un terrier di tipo bull)…e cominciare una nuova vita come compagni di viaggio di un cane che, se è stato scelto con attenzione e con la giusta dose di informazione, finiremo sicuramente per adorare e per trovare superiore a qualsiasi altro cane del mondo.
Però dobbiamo ricordare che il possesso di un cane come l'Amstaff (o qualsiasi altro terrier di tipo bull) comporta anche una grande responsabilità: quindi dovremo impegnarci a fondo nella sua educazione e nel suo addestramento, non aspettandoci che siano "gli altri" a dover subire le nostre scelte e magari a dover accettare seraficamente che un cane di trenta chili, con l'apertura boccale dello Squalo 3, gli salti addosso per strada. NOI sappiamo che vuole solo fargli le feste e che al massimo lo ucciderà a forza di leccate (perché questa è una caratteristica assolutamente tipica di tutti i TTB: hanno la lingua più veloce e più assatanata del West!)…ma all'ignaro passante potrebbe pure venire un coccolone, vedendosi arrivare addosso quello che sicuramente identifica come "'u pizzburg assassino" (non aspettatevi che il pubblico medio distingua un amstaff da un pit bull…e ricordate quell'episodio di quel signore, fiero possessore di un siberian husky,a cui è stato chiesto di allontanare da un bar quel "pit bull a pelo lungo, che si sa benissimo che sono i più feroci di tutti!).
La popolazione italiana media, in fatto di cani, è spaventosamente ignorante: quindi sappiate che qualsiasi TTB (ma soprattutto l'Amstaff) sarà additato almeno dieci volte al giorno come "pizzburg" e scatenerà reazioni di panico o di intolleranza.
La migliore risposta (oltre a lasciar perdere queste razze se si è poco disposti a sentirsi dare del criminale e del possessore di cane killer ogni due per tre) sta sicuramente nel dimostrare con i fatti che l'Amstaff (o il "vero" Pit bull, nel caso ne possedessimo uno) è un cane equilibrato, amichevole con le persone…ma soprattutto perfettamente controllabile.

 

Si ringrazia per la collaborazione e l'idea Valeria Rossi

www.dallapartedelcane.com
www.tipresentoilcane.com


Bluelines Amstaff  |  Allevamento American Staffordshire Terrier  |  All Rights Reserved | Privacy Policy - Cookie Policy